Was du ererbt von deinen Vätern hast, / Erwirb es, um es zu besitzen

Categoria sogni

Di lagrime avea d’uopo

“Di lagrime avea d’uopo” è un passo di “Traviata”, una battuta di Violetta che anticipa il famosissimo “amami Alfredo”. Uno strano titolo, forse, ma legato a pensieri che coltivo in questo periodo. Stanotte, innanzitutto, un sogno, poco più di una… Continua a leggere →

Sogno con incidente

Mi trovo a Rimini, qualcuno mi segnala che in una certa zona del lungomare, a sud, affitteranno molti più appartamenti (a seguito di lavori di miglioramento della zona?), lo dice con preoccupazione.Io chiedo: “prostituzione?” Ma questa persona mi risponde: “peggio,… Continua a leggere →

Sogno col Temporeggiatore

Un curioso sogno di stanotte: Mi trovo ad un concorso, in un luogo affollato, non conosco nessuno salvo due persone, un uomo ed una donna, che potrebbero essere Mauro M., collega di Modena e Serena G., di Parma; il concorso… Continua a leggere →

Sogno in albergo

Mi trovo non saprei dire dove; chiamo al telefono una collega, che invito a raggiungermi non ricordo però per quale motivo.Ad un certo punto lei arriva, scendo all’ingresso ad accoglierla, è Manuela A., una deliziosa collega.Credo che mi dica di… Continua a leggere →

Sogno con bacio

Mi trovo in un ampio cortile, forse quello della mia scuola elementare; ci sono vari colleghi, provenienti da diverse città, arriva un’auto, guidata da una donna e tutti, subito, di corsa iniziano a darsi alla fuga per evitarla perché è… Continua a leggere →

Sogno con Stella

Stella, conosciuta anche come Peste Nera o Pitufina (la versione spagnola di Puffetta) è stata protagonista di un movimentato sogno: Mi trovo in casa e Stella, dal davanzale della finestra della mia camera, si lancia di sotto, senza timore e… Continua a leggere →

Incubo suicidiario

Chiamo incubo il sogno di stanotte perché mi ha molto spaventato e svegliato, con un grido strozzato, ma andiamo con ordine. Mi trovo in un ampio salone, dipinto di fresco, le pareti sono azzurre con una fascia bianca nella sommità;… Continua a leggere →

Sogno vescovile

Mi trovo sdraiato, forse durante il sonno o forse no, sul prato di un parco che potrebbe essere quello di via Verona, a Parma, adiacente al centro cup: ho lenzuolo e coperta in disordine e, per metterli a posto (reinfilarli… Continua a leggere →

Sogno operistico

Un signore grasso, con un enorme girovita, mi propone di cantare un’opera lirica (forse per beneficenza?), accetto. La sera della prima mi viene un dubbio o meglio un’illuminazione: io non so cantare, non conosco la musica, non ho idea di… Continua a leggere →

Sogno con Federico

 Vedo, da una certa distanza, da una zona sopraelevata, una collina direi, una sorta di torre da cui stanno scendendo, quasi in processione, degli uomini, alcuni dei quali sembrano armati, pare essere un’operazione di polizia.  Sembra di vedere Federico, sulla… Continua a leggere →

Sogno omicida

Mi trovo in vacanza in Spagna, credo a Barcellona, fermo alla fermata dell’autobus dove c’è tanta gente in attesa. Ai piedi ho un contenitore di videocassette (o musicassette), si avvicina un tizio che se ne impossessa. Faccio resistenza e tiro… Continua a leggere →

Sogno con furto

Nella notte tra 6 e 7 aprile ho fatto un sogno con tanto di furto: Mi ritrovo a vivere (forse a Modena?) in un appartamento con altre 3 (?) persone, un uomo ed una donna sicuramente, anche se non ricordo… Continua a leggere →

Un sogno e non solo

Avevo dimenticato un frammento di sogno della notte scorsa, quella tra il 22 e 23 marzo, lo recupero adesso: “mi trovo, credo, al comando o in un altro luogo comunque frequentato da persone che conosco; in quel luogo (che sia… Continua a leggere →

Sogno in memoria

Stanotte, tra l’11 e il 12 di marzo, ho sognato, cosa che ritengo sempre piacevole e che non mi capita con la frequenza che vorrei. Mi trovavo sulle scale esterne di un palazzo medioevale, ma forse non originale; sono sulla… Continua a leggere →

Caro Federico, è già un mese

Caro Federico, è ormai un mese, non credo serva aggiungere altro. Un mese in cui quasi ogni sera pensavo di chiamarti o aspettavo la tua chiamata, un mese in cui ho ripensato a vari episodi vissuti assieme o condivisi. Quando,… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2020 Cogito ergo adsum — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑