Was du ererbt von deinen Vätern hast, / Erwirb es, um es zu besitzen

Tag Paolo Fabbri

Di lagrime avea d’uopo

“Di lagrime avea d’uopo” è un passo di “Traviata”, una battuta di Violetta che anticipa il famosissimo “amami Alfredo”. Uno strano titolo, forse, ma legato a pensieri che coltivo in questo periodo. Stanotte, innanzitutto, un sogno, poco più di una… Continua a leggere →

Avvenimenti vari

In questo periodo mi sono successe alcune cose inaspettate, ma procediamo con ordine. La prima è stata una, seppur fugace, visita di Agostino in quel di Parma; è stato un vero piacere, anche se tutto si è svolto troppo velocemente… Continua a leggere →

Sogno omicida

Mi trovo in vacanza in Spagna, credo a Barcellona, fermo alla fermata dell’autobus dove c’è tanta gente in attesa. Ai piedi ho un contenitore di videocassette (o musicassette), si avvicina un tizio che se ne impossessa. Faccio resistenza e tiro… Continua a leggere →

A Federico

Ieri sera, a Fontanelle, nella chiesa di San Martino, c’è stato il santo rosario in suffragio di Federico, al termine di una giornata impegnativa. Poche ore prima avevo ricevuto un prestigioso regalo, un crest importante, ma la contentezza per quell’evento… Continua a leggere →

Mors et vita duello conflixere mirando; per Federico

Mors et vita duello conflixere mirando: la morte e la vita si sono affrontate in un prodigioso duello ed oggi, ancora una volta, come ogni giorno per migliaia di persone, la morte ha preteso il contributo che le è dovuto,… Continua a leggere →

da Vigion e altre storie

Serate intense come non mi accadeva da tempo: in ordine temporale la precedenza spetta al dentista che mi ha riscontrato alcune cariette e me n’ha sistemata una. Devo ammettere che il mio terrore per il dentista è molto diminuito dopo… Continua a leggere →

Buona Pasqua

In pieno sabato santo, durante il Triduo pasquale, festività cattolica più importante dell’anno. Inaspettatamente, giovedì scorso, ho ricevuto la telefonata del mio Commissario preferito, che mi ha commosso non poco. Sono trascorsi 18 giorni dall’ultima volta che abbiamo pranzato assieme… Continua a leggere →

un amico ritrovato ed una buona pizza

Ieri sera, grazie ai buoni uffici dell’ottimo Federico, ho avuto modo di rivedere, dopo decenni, un compagno di liceo (non di classe). Immersi nella nebbia che imperversava nella bassa, ci siamo recati presso il suo studio dentistico per poi condividere… Continua a leggere →

© 2020 Cogito ergo adsum — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑