Was du ererbt von deinen Vätern hast, / Erwirb es, um es zu besitzen

Tag metafisica

Mario Sironi: Sintesi e grandiosità

Mi ha incuriosito questa mostra, a pochi giorni dalla chiusura, dedicata a Mario Sironi, con un titolo ammiccante “Sintesi e grandiosità”Mario Sironi, un pittore che conoscevo come futurista (le etichette aiutano ma sono anche barriere su cui non vale la… Continua a leggere →

È morto il Dottor Giacomo B. Contri

Il 21 gennaio scorso è morto il Dottor Giacomo B. Contri, a ottant’anni compiuti da poco.Riprendo una citazione che utilizzo sempre in occasioni come questa perché la trovo particolarmente confacente: «In tristezza dobbiamo lasciarci, ma non nella disperazione».Il dottor Contri… Continua a leggere →

Galleria Doria Pamphilj

A Roma per Raffaello

Intervista a Ildefonso Falcones

L’ho trovata sul Corriere della Sera, questa intervista al famoso scrittore spagnolo Ildefonso Falcones, di cui ho letto, in lingua originale, il best seller La catedral del mar (La cattedrale del mare). Mi ha incuriosito perché l’ho immaginata come un commento… Continua a leggere →

Buona Pasqua 2019

Buona Pasqua a tutti: augurio formale perché la forma conta, eccome se conta. Anche quest’anno si festeggia, la stessa festa, come ogni anno, eppur sempre diversa perché il cristianesimo è storia dell’Incarnazione. La Pasqua, resurrezione di Gesù Cristo, non è… Continua a leggere →

San Paolo e la stima

Oggi ho sentito telefonicamente un collega, che considero anche amico, che non frequento da tempo; telefonata piacevole come sempre mi è successo quando ho avuto occasione di incontrarlo. In questo colloquio mi ha citato una frase di san Paolo, un… Continua a leggere →

Giornata da incubo?

Il 10 agosto è sempre stato un giorno famoso perché già alle elementari la mia rigorosissima maestra (santa subito) ci faceva studiare la poesia di Giovanni Pascoli e quelle rime, come quelle di Manzoni o Foscolo ma anche Leopardi (che… Continua a leggere →

Finalmente “A ritroso”

“A ritroso” è un romanzo di Joris Karl Huysmans, spesso ne ho trattato perché, al liceo, un’ottima insegnante supplente di italiano e latino ne aveva proposto un brano, di quelli che mi sono rimasti in memoria in modo misterioso. Ogni… Continua a leggere →

quindici giorni dopo e l’assistenza

Sono trascorsi 15 giorni dall’intervento che il mio amico ha subito; era il 7 febbraio e mi trovavo a Santiago di Compostela e a La Coruña. Non ho ancora avuto possibilità di vederlo di persona e questo mi angustia un… Continua a leggere →

Cenerentola di Sir Kenneth Branagh

Cosa risaputa che non amo molto il cinema (è un difetto grave, lo ammetto) ma l’invito a vedere un film in compagnia, dopo un ottimo risotto venere con zucchine e gamberetti (che la sperimentatrice Silvia ha pienamente azzeccato) era irrifiutabile…. Continua a leggere →

Natale 2015

Ottima serata della vigilia del Santo Natale, in compagnia dei miei nipoti (non posso più chiamarli nipotini), di mio fratello e cognata che si sono molto divertiti con le foto scattate alla mia povera indifesa mamma, al mattino, al risveglio,… Continua a leggere →

Giona Alighieri e i professori

Il professore: per me ha sempre rappresentato un mito, una professione degnissima, una casta da stimare e rispettare, con devozione. Non ho avuto, nei tanti anni passati a scuola, molti insegnanti stimabili o meglio, alle scuole medie decisamente sì: ricordo… Continua a leggere →

me ne frego

Uno degli slogan che si leggono in casa di D’Annunzio riguarda i peccati capitali, che vengono limitati a 5 come le dita di una mano. Dal tradizionale catalogo cattolico due ne vengono espulsi ed è abbastanza intuitivo comprendere quali: lussuria… Continua a leggere →

orto botanico e cieco nato

Altra passeggiata in centro città, per accompagnare mamma e zia all’orto botanico, aperto per la festa della viola. Non ero mai stato all’orto botanico di Parma, quasi ne ignoravo l’esistenza, se non fosse per mio cugino Luca che vi bazzica… Continua a leggere →

« Articoli precedenti

© 2022 Cogito ergo adsum — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑