Was du ererbt von deinen Vätern hast, / Erwirb es, um es zu besitzen

Tag feticcio

Dolce Istrice

pensiero relativo

Stanotte un frammento di sogno: “ero con tutta la mia famiglia in giro non so dove; visitiamo un museo o una chiesa ed io devo fare da guida; inizio a parlare quando mia nipote mi critica [ma non ricordo le… Continua a leggere →

pensa che sei vetro contro acciaio

Vagando per il parco del Vittoriale passiamo per il cimitero dei cani che tanto affascina Silvia, il luogo è davvero bello, ben curato ma tutto sempre ossessivamente trasudante della personalità del vate, quasi che nulla potesse e dovesse sfuggirgli. Ci… Continua a leggere →

lavoro e amore

L’amore che non c’è richiede tuttavia obbedienza (meglio se cieca) e adesione ad un sistema di valori (se ideali poi…) coi/nei quali costringere la realtà. Gli schemi di pensiero, le teorie, in fondo non sono che questo: un modo per… Continua a leggere →

Sinistra e Tartarughe

In questi giorni che vedono il mondo politico con le convulsioni, con istanze forcaiole e proteste di piazza che vogliono cambiare tutto mi è tornata in mente la Bibbia ed in particolare due episodi: il diluvio universale e la distruzione… Continua a leggere →

cellulare e vitello d’oro

Riprendendo gli spunti della cena con gli amici del 30 dicembre, mi è venuto in mente un parallelismo: il cellulare di ultima generazione ed il vitello d’oro. Stesso delirio di onnipotenza: il feticcio dell’oggetto di moda e grido che offre… Continua a leggere →

quanto vale? versus quanto rende?

Considero Philippe Daverio mio amico, come Chiara Frugoni, senza conoscerlo nè essere conosciuto, semplicemente per le iniziative che fa venire voglia di prendere. Mi è capitato di cogliere frase una sua frase, sintesi del diverso atteggiamento di un italiano ed… Continua a leggere →

© 2022 Cogito ergo adsum — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑