Was du ererbt von deinen Vätern hast, / Erwirb es, um es zu besitzen

Categoria Citazioni

D’Annunzio Petrarca e la bellezza

Mi è tornata in mente una considerazione del dottor Giacomo Contri dedicata all’amore dell’amo, ovvero l’innamoramento che fa fare la fine del pesce preso all’amo. Il mio allora venerato professore di italiano ci fece studiare a memoria varie cose tra… Continua a leggere →

i catari, l’equilibrio di genere e il buco nero

Uno spot istituzionale sull’equilibrio di genere, visto in TV (e c’è pure da pagare il canone). La pubblicità ci propina l’idea che c’è addirittura una verità scientifica in favore dell’equilibrio di genere: l’ingresso delle donne nei luoghi di lavoro comporta… Continua a leggere →

Narciso e i mattoni

Debbo gratitudine al dottor Giacomo Contri per i mattoni quotidiani che produce (la metafora è sua come buona parte delle osservazioni che faccio vengono dall’avere preso spunto da quei mattoni). La metafora del mattone mi sembra molto azzeccata perchè i… Continua a leggere →

nipoti, figliocci e covoni

PSALMUS 126 (125) Canticum ascensionum. In convertendo Dominus captivitatem Sion, facti sumus quasi somniantes. Tunc repletum est gaudio os nostrum, et lingua nostra exsultatione. Tunc dicebant inter gentes: “ Magnificavit Dominus facere cum eis ”. Magnificavit Dominus facere nobiscum; facti… Continua a leggere →

Tivoli, Antinoo e la bellezza

Oggi me la prendo molto più comoda, almeno a inizio giornata, mi rifarò poi: consulto internet e decido di fare un salto a Tivoli dove mi pareva di essere stato una volta in gita scolastica a fine liceo. Prima, però,… Continua a leggere →

Freud e Banti

Ritorno da Rimini, dopo una piacevole mattinata trascorsa a salutare alcune colleghe ed in particolare la cara Roberta, assente in questi giorni causa matrimonio fuori regione. Pranzo veloce con Agostino che rivedo sempre con grande piacere e col quale spero… Continua a leggere →

Cattivo maestro

Andato al lavoro in bicicletta, com’è ormai da alcuni giorni, mi è caduta la catena a metà strada così che ho dovuto mettermi ad aggiustarla sul marciapiedi: transitava una pattuglia in quel momento che, com’è ovvio, manco si è fermata… Continua a leggere →

Attesa

Resto in fiduciosa attesa di un sogno che venga ad aiutarmi, confido nei sogni che spesso benevoli offrono impensati pensieri. Leggo, intanto, spizzichi di Ungaretti ribadendone il parallelismo con Giacometti e restando un po’ stupito perchè, normalmente, sono uomo di… Continua a leggere →

versi che vagano nel gran mare del web

Amo molto Ungaretti, mi piace il suo modo di scrivere poesie, senza orpelli, l’uso di parole che mi rimandano alle sculture di Giacometti, scavate, svuotate di ogni fronzolo. Usa le parole come strumenti da lui stessi forgiati (“Quando trovo /… Continua a leggere →

La Cripta dei Cappuccini

Ho letto, con grande piacere, alcune opere di Joseph Roth, tutte improntate di un certo clima di pensiero: ho prediletto  quella che dà il titolo a questo post. Sarà il fatto che ho visitato, per ben due volte, la cripta… Continua a leggere →

Articoli seguenti »

© 2020 Cogito ergo adsum — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑