Cogito ergo adsum

Was du ererbt von deinen Vätern hast, / Erwirb es, um es zu besitzen

Category

Citazioni

invitati al pranzo di nozze

Il vangelo di oggi tratta di pranzo di nozze e di abito nuziale ed è straordinario. Mt 22, 1-14 In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse: «Il regno dei… Continue Reading →

orfanotrofi inglesi

Ho letto una notizia orribile: nel cimitero di Lanarkshire, nei pressi di un ex orfanotrofio scozzese di Smyllum Park sarebbero sepolti i corpo di varie centinaia di bambini, almeno 400, in un’anonima fossa comune. La vicenda si svilupperebbe tra il 1864… Continue Reading →

Fariseo e pubblicano

La famosissima parabola del fariseo e del pubblicano. “In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri: «Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e… Continue Reading →

I catari del neopagano Otto Rahn

Ho terminato la lettura di Crociata contro il Graal e La corte di Lucifero del neopagano nazista con lontane ascendenze ebraiche e forse omosessuale Otto Rahn, morto precocemente, forse suicida per ipotermia. Nelle sue opere ho ritrovato pare del materiale che Denis… Continue Reading →

l’altro che non c’è e Maria di Magdala

Questo post nasce da un’interruzione. Mi è accaduto di interrompere bruscamente un rapporto di conoscenza con una persona dopo che, per un bel periodo di tempo, avevo intrattenuto una certa frequentazione telefonica. Mi sono ritrovato, improvvisamente, scombussolato nelle mie “quasi”… Continue Reading →

Elogio della prostituzione

Dalla vacanza a Budapest ho in testa la questione della prostituzione; come ho già raccontato, nella capitale ungherese sono stato avvicinato da due signorine che tutto avevano men che l’aspetto delle prostitute cui siamo abituati in Italia, almeno per strada;… Continue Reading →

Sogni e radici

Periodo che considero benedetto, per la mia vita onirica; due notti, due sogni: quello di l’altro ieri: “Sono in un liceo scientifico, forse il Marconi. Devo rifare i 5 anni; parlo con qualcuno cui rivelo che, vista l’età, avrò o… Continue Reading →

I terroristi e la terra che vogliamo

Ho ricevuto, giusto ieri sera, una mail che mi ricordava il prossimo appuntamento milanese, cui mi dedico da alcuni anni; il contenuto faceva riferimento al pensiero. Ne cito alcune frasi che prendo dal blog di Giacomo Contri (http://www.giacomocontri.it/BLOG/2015/2015-01/2015-01-08-BLOG_terra_abitata_oikoumene.htm). “prendere e… Continue Reading →

lavoro e ricompensa

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola: «Il regno dei cieli è simile a un padrone di casa che uscì all’alba per prendere a giornata lavoratori per la sua vigna. Accordatosi con loro per un denaro al… Continue Reading →

Avvinti come l’edera

Qui si vedono alcune tombe, tra le quali mi è piaciuta tantissimo la tomba Peretti, di cui non ho ritrovato notizie ulteriori e che mi ricorda le statue dei paesi dell’est, sotto il regime comunista. Una sorta di sguardo dritto… Continue Reading →

D’Annunzio Petrarca e la bellezza

Mi è tornata in mente una considerazione del dottor Giacomo Contri dedicata all’amore dell’amo, ovvero l’innamoramento che fa fare la fine del pesce preso all’amo. Il mio allora venerato professore di italiano ci fece studiare a memoria varie cose tra… Continue Reading →

i catari, l’equilibrio di genere e il buco nero

Uno spot istituzionale sull’equilibrio di genere, visto in TV (e c’è pure da pagare il canone). La pubblicità ci propina l’idea che c’è addirittura una verità scientifica in favore dell’equilibrio di genere: l’ingresso delle donne nei luoghi di lavoro comporta… Continue Reading →

Narciso e i mattoni

Debbo gratitudine al dottor Giacomo Contri per i mattoni quotidiani che produce (la metafora è sua come buona parte delle osservazioni che faccio vengono dall’avere preso spunto da quei mattoni). La metafora del mattone mi sembra molto azzeccata perchè i… Continue Reading →

nipoti, figliocci e covoni

PSALMUS 126 (125) Canticum ascensionum. In convertendo Dominus captivitatem Sion, facti sumus quasi somniantes. Tunc repletum est gaudio os nostrum, et lingua nostra exsultatione. Tunc dicebant inter gentes: “ Magnificavit Dominus facere cum eis ”. Magnificavit Dominus facere nobiscum; facti… Continue Reading →

Tivoli, Antinoo e la bellezza

Oggi me la prendo molto più comoda, almeno a inizio giornata, mi rifarò poi: consulto internet e decido di fare un salto a Tivoli dove mi pareva di essere stato una volta in gita scolastica a fine liceo. Prima, però,… Continue Reading →

© 2017 Cogito ergo adsum — Powered by WordPress

Theme by Anders NorenUp ↑